Effusioni gay in cortile e la preside chiama i carabinieri

di

Succede all'istituto Leonardo da Vinci di Civitanova dove la dirigente scolastica si è rivolta alle forze dell'ordine e al comune perché l'area venga controllata: "Mettiamo la videosorveglianza".

10651 0

"Il parcheggio dietro il nostro liceo è diventato teatro di atti osceni, incontri sessuali e inciviltà di ogni genere". Con queste parole la preside dell’istituto Leonardo da Vinci di Civitanova ha denunciato all’amministrazione comunale quella che secondo lei è diventata una situazione intollerabile. 

Scambio di effusioni gay ma anche, pare, episodi più spinti di qualche semplice bacio. "Il parcheggio è stato voluto proprio dall’amministrazione – ha raccontato la professoressa Sagretti – ma ancora non se n’è preso cura. La mancanza di illuminazione e di una sbarra di chiusura rendono questo luogo meta di coppiette che gettano a terra fazzoletti sporchi e preservativi. Ciò avviene di notte, ma anche di giorno". 

La preside, dopo avere assistito dalle finestre della scuola allo scambio di effusioni tra due uomini adulti, ha chiamato i carabinieri che hanno identificato i due. "Siamo disposti a prendere in gestione il piazzale e a metterlo in sicurezza – ha concluso la professoressa – predisponendo anche un sistema di videosorveglianza".

Leggi   Ucciso per i suoi capelli lunghi e i vestiti attillati: è successo in Iraq
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...