Egitto: gay accusato di aderire alla Jihad

di

Nel processo contro 52 egiziani accusati di omosessualità, spunta anche un memorandum della polizia in cui si accusa il principale imputato di appartenere al movimento terrorista islamico.

809 0

I servizi di sicurezza egiziani hanno accusato il principale imputato del processo contro 52 egiziani sospettati di omosessualità, Cherif Farahat, di far parte del movimento terrorista della Jihad, a quanto riferito dal suo avvocato Farid Al-Dib.

«Cherif è stato arrestato per offese all’Islam, e quando abbiamo protestato, i servizi di sicurezza hanno consegnato al tribunale un memorandum che indica che Cherif sarebbe membro attivo del movimento della Jihad» ha dichiarato Al-Dib al margine di una nuova udienza tenutasi davanti al tribunale dell’Alta Corte di Sicurezza dello Stato. Secondo lui, il memorandum rivelerebbe delle contraddizioni, perché l’appartenenza a un movimento islamico è incompatibile con l’omosessualità, pratica che è proibita dall’Islam.

La corte, durante l’udienza, non ha fatto menzione dell’appartenenza di Cherif Farahad alla Jihad. Resta da chiedersi se sia più grave essere considerati omosessuali o appartenenti alla Jihad.

Me Al-Dib aveva già accusato la polizia durante la precedenza udienza del 3 ottobre di aver "fabbricato questo caso al fine di distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica da questioni più importanti".

La data del verdetto è stata fissata per il 14 novembre.

E’ ancora possibile partecipare alla petizione online. Clicca qui

Leggi   Egitto, in carcere 14 persone condannate per omosessualità
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...