Egitto: protesta pro-gay dei deputati USA

di

Per la terza volta in un anno, rappresentanti democratici e repubblicani, hanno scritto una lettera alle autorità egiziane per lamentare la mancanza di chiarezza nei confronti dell'omosessualità.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


WASHINGTON – Per la terza volta in meno di un anno, dei rappresentanti americani dei due schieramenti, democratici e repubblicani, hanno scritto insieme una lettera alle autorità egiziane. I quaranta rappresentanti, guidati dal democratico Tom Lantos, rimproverano all’Egitto la mancanza di chiarezza nella sua posizione nei confronti dell’omosessualità.

In risposta alla precedente lettera, inviata il marzo scorso, l’ambasciatore d’Egitto negli Stati Uniti, Nabil Fahmy, aveva negato l’esistenza di una persecuzione ingiusta a danno degli omosessuali. Facendo riferimento al fatto che non esistono leggi che condannino esplicitamente l’omosessualità nel suo paese, l’ambasciatore affermava che i 52 uomini arrestati al Cairo nel maggio 2001 erano stati processati per prostituzione, e che l’orientamento sessuale non era stato tirato in causa.

«La legge in virtù della quale tanti omosessuali vengono imprigionati, viene davvero applicato in maniera uguale agli omosessuali e agli eterosessuali?» si interrogano i rappresentanti americani nella loro recente lettera. «Se così è, gli agenti di polizia hanno mai arrestato e perseguito degli eterosessuali?».

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...