Egitto: Radicali europei contro il processo

di

Due emendamenti proposti da Cappato dei Radicali invitano l'Unione Europea a intervenire nel processo contro i 52 egiziani accusati di omosessualità al Cairo.

551 0

Mentre il Parlamento europeo esamina l’accordo che l’UE sta per firmare con l’Egitto, Marco Cappato, deputato europeo dei Radicali/Lista Bonino, ha inviato ad alcuni colleghi della commissione libertà e diritti dei cittadini una lettera per chiedere loro di cofirmare alcuni emendamenti presentati da Cappato e Maurizio Turco (deputato europeo radicale della Lista Bonino) che sollevano il problema dell’arresto di 52 cittadini egiziani a causa della loro presunta omosessualità.

Negli emendamenti si chiede che la Commissione Europea e il Consiglio d’Europa esprimano la seria preoccupazione dell’Unione Europea riguardo all’arresto dei 52 cittadini egiziani, che si compia un attento monitoraggio della sorte di queste persone, e che si prendano misure opportune al fine di garantire il rispetto dei loro diritti fondamentali.

Si afferma inoltre che l’arresto dei 52 uomini viene ritenuto contrario ai principi dei diritti umani enunciati nella Dichiarazione Universale, e si richiama all’applicazione degli accordi vigenti in materia.

Fino ad ora hanno aderito all’iniziativa Alima Bounediene Thiery dei Verdi, Giuseppe di Lello dei Comunisti e Michael Cashman del gruppo socialista, che hanno annunciato di volere cofirmare gli emendamenti.

Leggi   Egitto, in carcere 14 persone condannate per omosessualità
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...