Elezioni USA: il momento della verità

di

Stati Uniti al voto. Gli americani affideranno il cambiamento che tutti auspicano nell'attempato e soldatesco McCain o nel giovane nero Obama? Su Gay.it la notte dei risultati in...

736 0

Dopo mesi di intensa e talvolta esasperante campagna elettorale negli Stati Uniti è arrivato il giorno della verità. Per l’elezione di quello che sarà il 44° presidente le operazioni di voto sono in corso in queste ore nei 50 stati, mentre già è stata registrata un’affluenza record nei 32 stati che consentono il voto anticipato: già in 25 milioni hanno deciso se scegliere il ticket repubblicano McCain/Palin o quello democratico Obama/Biden.

Alle differenze tra le due coppie sui temi principali riguardanti la comunità Lgbt abbiamo già dedicato un precedente articolo ma oggi naturalmente la portata del cambiamento che è a un passo dal diventare realtà ha orizzonti ancora più ampi, che vanno dell’economia alla politica estera.

Innanzitutto si tratta di archiviare gli ultimi disastrosi 8 anni di amministrazione repubblicana. A metà ottobre, in occasione di un suo viaggio oltreoceano, il nostro Presidente del consiglio Silvio Berlusconi ha dichiarato che «George W. Bush è stato un grande, grandissimo presidente degli Stati Uniti» ma da come si è svolta la campagna elettorale pare che sia rimasto uno dei pochi al mondo a pensarla così. Bush è stato accuratamente tenuto alla larga da tutte le principali iniziative pre-elettorali vista la sua estrema impopolarità anche tra l’elettorato conservatore e ogni sostegno pubblico a McCain da parte del suo entourage è stato accolto con soddisfazione solo dai democratici.

Da settimane i sondaggi danno a Obama un vantaggio su McCain tra gli 8 e i 10 punti percentuali ma questo è importante solo fino a un certo punto perché per il meccanismo delle presidenziali non conta tanto il numero di voti assoluti quanto il numero di stati conquistati, con conseguente assegnazione dei cosiddetti "grandi elettori". I democratici aspirano a conquistare la maggioranza dei due terzi che darebbe loro ampissima possibilità di manovra mentre i repubblicani affidano le loro speranze a un’improvvisa e impronosticata rimonta dell’ultimora di McCain, magari favorita da un innominabile ma certamente possibile "disagio" di parte dell’elettorato bianco e conservatore a votare un candidato magari rispettabile…ma pur sempre di colore. 

Come andranno le cose lo sapremo tra poche ore. Gay.it seguirà i risultati in diretta con aggiornamenti in tempo reale lungo tutto il corso di questa, comunque vada storica, notte.

Leggi   Scandalo ad Hollywood, agente licenziato per molestie su giovani attori
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...