Elezioni USA, referendum sulle nozze gay

di

Molti i referendum popolari che accompagnano le elezioni di medio termine negli Stati Uniti: i cittadini del Nevada, ad esempio, devono anche decidere se confermare il 'no' ai...

WASHINGTON – Sono 202 in tutto, e appaiono spesso inconsueti, i referendum popolari che accompagnano le elezioni di medio termine di martedi prossimo negli Stati Uniti: i cittadini del Nevada, ad esempio, devono anche decidere se confermare il ‘no’ ai matrimoni tra gay.

Ma i quesiti posti agli elettori americani sono anche tra i più bizzarri: vanno dalla legalizzazione della marijuana nel Nevada alla proibizione dei combattimenti tra i galli in Oklahoma; e c’e’ anche quello per autorizzare gli idioti e i pazzi a votare nel New Mexico.

Come succede ad ogni appuntamento con le urne negli Stati Uniti, accanto alle elezioni ‘normali’ per il Congresso, i governatori, le assemblee statali e gli uffici elettivi locali, quasi tutti gli Stati (e anche contee e citta’) colgono l’occasione per chiedere agli elettori di esprimersi su questioni di tutti i tipi, spesso sollevate da iniziative dei cittadini.

Oltre allo spinello libero o i combattimenti tra galli, i quesiti riguardano, ad esempio, il fumo nei luoghi pubblici, la possibilita’ di organizzare lotterie statali, il riconoscimento dei matrimoni tra gay, l’etichettatura dei prodotti alimentari ottenuti con organismi geneticamente modificati.

I cittadini del Nevada, che devono anche decidere se confermare il ‘no’ ai matrimoni tra gay, decideranno se depenalizzare la marijuana. Se vinceranno i si’, possedere fino a tre once (circa 85 grammi) di ‘erba’ non sara’ considerato un reato, una novita’ assoluta negli Stati Uniti.

Leggi   Harvey Milk: 39 anni fa l'assassinio del primo gay eletto negli Stati Uniti
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...