Ensoli: senza vaccino antiAids, solo i condom

di

"Fino a che non ci sara' un vaccino efficace contro l'Aids, l'unica arma rimane la prevenzione attraverso l'uso di profilattici, siringhe monouso e altri comportamenti".

ROMA – “Fino a che non ci sara’ un vaccino efficace contro l’Aids, l’unica arma rimane la prevenzione attraverso l’uso di profilattici, siringhe monouso e altri comportamenti”. Lo ha sottolineato la virologa Barbara Ensoli a margine del convegno internazionale sui vaccini in corso all’Istituto superiore di sanita’.
“Purtroppo in questo periodo tra i giovani – ha detto Ensoli – non c’e’ piu’ coscienza della pericolosita’ del virus Hiv; e’ vero, i farmaci hanno cambiato la storia della malattia ma non sono la cura e soprattutto non hanno eliminato il virus. L’unica arma e’ la prevenzione”.
Quanto al vaccino italiano, Ensoli ha detto che ieri sono state ultimate le fasi della produzione del vaccino in Scozia e la sperimentazione sull’uomo in Italia e in Africa prendera’ il via a febbraio 2003.
“I primi test saranno di fase I su persone sieronegative, cioe’ sane – ha ricordato la ricercatrice – che avra’ lo scopo di provare l’assenza di tossicita’ del prodotto; dopo un anno si passera’ alla fase II che avra’ l’obiettivo di provare la risposta immunitaria indotta; infine la fase III valutera’ l’efficacia del candidato vaccino. Ma ci vorranno 5-7 anni per valutare i risultati delle sperimentazioni”.

Leggi   Elton John premiato da Harvard per la sua lotta contro l'Hiv e l'Aids
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...