Episcopali antigay formano gruppo di protesta

di

Un gruppo di episcopali dissidenti hanno formato un "gruppo di protesta" contro la nomina di un vescovo apertamente gay nella loro congregazione, negli Usa.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


NEW YORK – Un gruppo di episcopali dissidenti hanno formato un “gruppo di protesta” contro la nomina di un vescovo apertamente gay nella loro congregazione, negli Usa.
Al termine di due giorni di riunioni a Plano, in Texas, i dissidenti hanno espresso l’impegno di lavorare in squadra tra loro per opporsi alla leadership della loro Chiesa che ha dato luce verde all’ordinazione a vescovo del New Hampshire del reverendo Gene Robinson, un religioso apertamente omosessuale.
“E’ un giorno storico”, ha proclamato al termine dell’incontro il vescovo di Pittsburgh Robert Duncan che guida il nuovo gruppo a cui hanno aderito rappresentanti di 12 diocesi.
Il gruppo si e’ prefisso di “operare in buona fede all’interno della costituzione della Chiesa Episcopale” ma anche di di “costituire la vera e legittima espressione della comunita’ anglicana mondiale”.
Non e’ pero’ ancora chiaro come la nuova “Chiesa dentro la Chiesa” creata a Plano si mettera’ a rapporto con le gerarchie episcopali americane. Una delle ragioni per cui il tanto parlare di scisma della vigilia e’ stato smussato e’ che le parrocchie dissidenti dovrebbero riconsegnare i propri beni alla Chiesa madre se dovesse essere decisa una separazione formale.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...