Er Pecora contro gli omini gay della Ka

di

Teodoro Buontempo presenta un'interrogazione parlamentare sulla pubblicità della Ford Ka, che tra i tanti disegni raffigura due uomini in "atteggiamento ambiguo".

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
889 0
889 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Può una pubblicità arrivare a suscitare una interrogazione parlamentare? Sì, se vi vengono raffigurati due uomini "in atteggiamento gravemente ambiguo" e se se ne accorge l’immarcescibile "Er Pecora", quel Teodoro Bontempo che già più volte ha conquistato i disonori della cronaca con le sue uscite omofobe e reazionarie.

L’ultima iniziativa del ragioniere di origini teatine (è nato in provincia di Chieti 55 anni fa) è stata suscitata dai cartelloni pubblicitari della Ford Ka, realizzati da Alessandro Mendini, uno dei designer e artisti italiani più noti al mondo, che nel passato ha firmato significative realizzazioni e che non immaginava di diventare oggetto di interrogazione parlamentare. Nelle affissioni relative alla monovolume della Ford, Mendini ha messo insieme una quantità di disegni, dal tratto un po’ infantile, che raffigurano macchine, gattini, cagnolini, chiese, aerei e quant’altro.

Ma tra tutti questi disegnini, Buontempo è stato capace di rilevare la presenza di due omini, uno carponi e l’altro dietro di lui con un rigonfiamento che fa pensare a una erezione. Apriti cielo! Il 4 volte deputato presenta immediata interrogazione parlamentare, dichiarandosi offeso dalla immagine "che raffigura, in maniera stilizzata, ma inequivocabilmente, due uomini in atteggiamento gravemente ambiguo. …ciò può attrarre l’attenzione dei minori, che potrebbero essere indotti ad imitare le immagini rappresentate, senza avere gli strumenti per difendersi".

Immaginando orde di ragazzini che tentano di imitare le immagini della pubblicità, si attende la risposta del capo del governo, Silvio Berlusconi, che tra le tante sfide che ha lanciato durante la campagna elettorale, dovrà magari anche aggiungere una bella campagna moralizzatrice del mondo della pubblicità.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...