Eurogames in Ungheria? “Sono il segno della fine del mondo”

di

L'esponente del partito ultranazionalista ungherese Gábor Vona la spara grossa e dice pubblicamente che le olimpiadi gay che si terranno a Budapest questa estate segneranno l'inizio dell'Apocalisse.

1821 0

“Dio mi è testimone. Non è una sorta di omofobia a farmelo dire, ma semplicemente il senso della decenza: sarà la fine del mondo”. Con queste parole Gábor Vona ha parlato degli Eurogames, la manifestazione sportiva dedicata alle squadre lgbt, che si svolge ogni anno in un paese europeo diverso. Vona, 33 anni, è il fondatore e leader del partito ultranazionalista Jobbik Magyarországért Mozgalom (Movimento per una migliore Ungheria) che è rappresentata in Parlamento da 46 deputati su 386, il 12% del totale.

Il clima che i 3800 atleti provenienti da tutti i paesi della UE per gareggiare nelle 20 discipline previste troveranno in Ungheria sarà dunque ben differente da quello dello scorso anno, quando gli Eurogames furono ospitati dalla friendly Olanda. La manifestazione si terrà a fine giugno nella capitale Budapest.

Leggi   Neonazista pianificava strage ad un Pride inglese
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...