Ex-deputato omofobo: Mapelli scrive a Casini

di

Mapelli chiede a Casini «se è mai possibile che un Deputato emerito della nostra Repubblica possa esprimersi con una serie di gratuiti insulti all'indirizzo delle persone omosessuali».

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
704 0

MILANO – Giovanni Felice Mapelli, Coordinatore del Centro Studi Teologici di Milano, ha inviato al presidente della Camera Pierferdinando Casini, una lettera aperta sulla vicenda del consigliere comunale di Busto Arsizio e ex-deputato di AN Nino Pellegatta, che aveva inviato una lettera piena di insulti a una coppia gay della sua città, rea di aver protestato contro l’atteggiamento da lui tenuto in Consiglio Comunale contro gli omosessuali.
Mapelli chiede a Casini «se è mai possibile che un Deputato emerito della nostra Repubblica possa esprimersi in tal modo, con una serie di gratuiti insulti all’indirizzo delle persone omosessuali, singole o in coppia, e che per farlo arrivi ad usare la carta intestata della Camera dei Deputati che Ella, in qualità di Presidente, presiede».
«Ci auguriamo – prosegue Mapelli – che da parte della Presidenza della Camera venga stigmatizzato questo comportamento inqualificabile,ormai divenuto di pubblico dominio su tutti gli organi di stampa, poichè l’offesa fatta non soltanto ai cittadini,ma alla stessa istituzione parlamentare da Lei presieduta non è cosa che vada sottovalutata, a maggior ragione dell’intento di “istigazione all’odio sociale” messo in atto da questo ex deputato della Repubblica».

Leggi   Kenya, il presidente Uhuru Kenyatta ribadisce: 'I diritti LGBT a noi non importano'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...