«FACCIO SESSO NON PROTETTO»

di

La risposta degli esperti a un messaggio del forum.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
2709 0
2709 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


«Frequento regolarmente saune, locali, dark room e faccio sempre sempre sempre sesso senza preservativo. Da circa 3 anni». Un lettore controcorrente quello che all’interno del forum dedicato a Dark, Sesso e Prevenzione ha pubblicato questo intervento, in cui ammette candidamente, contro la stragrande maggioranza delle posizioni ufficiali della scienza che «il rischio relativo di contrarre specificamente l’Aids facendo sesso non protetto sia praticamente inferiore a quello di ammalarmi del morbo della mucca pazza».

E’ importante sottolineare subito, a scanso di equivoci, che questa posizione non è suffragata da nessuna ricerca scientifica. Per meglio precisare questo punto abbiamo sentito il parere di alcuni esperti del settore.

Vittorio Agnoletto, presidente della Lila, ha ricordato che «i dati fanno presente che tra gli ammalati di Aids dal ’99 al 2000 le persone omosessuali sono cresciute dal 16 al 20%. Questo è un dato già preoccupante».

Agnoletto, riguardo alla posizione assunta dal nostro lettore, afferma che «la scienza non si fa con i singoli casi ma con le epidemiologie quindi con i dati statistici». Come dire: è anche possibile che il lettore in questione non si sia infettato, ma molti, magari, si sono infettati al primo rapporto non protetto: «Ci sono coppie seriologicamente discordanti (cioè in cui un partner è positivo e l’altro no, Ndr) che vivono rapporti sessuali senza protezione da più di un anno e non si infettano, così come ci sono persone che si infettano dopo il primo rapporto, e credo che non si possa giocare una roulette russa – afferma Agnoletto – Molti di quelli che sostengono opinioni simili sono le posizioni che vengono da coloro che negano la correlazione tra il virus dell’Hiv e l’Aids; peccato che questa tesi non è in gradi minimamente di rispondere come mai oggi i farmaci che colpiscono unicamente il virus hanno una alta efficacia, se, come sostiene questa tesi, l’Aids non è una malattia infettiva. L’ultima cosa da fare oggi è di abbassare la guardia nei confronti della protezione.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...