Fini riceve le associazioni gay. E loro litigano

di

Storico incontro tra il Presidente Fini e gli esponenti delle associazioni gay. Ma Arcilesbica rifiuta di partecipare. Le Trans protestano per l'esclusione. GayLib esclusa da Arcigay.

1949 0

È stato un incontro storico quello tra il Presidente della Camera Gianfranco Fini e le quattro associazioni gay nazionali (sarebbero state cinque se Arcilesbica non avesse rifiutato, «siamo in campagna elettorale e il rischio di strumentalizzazione è alto», aveva detto la presidente Polo).

Arcigay, Famiglie Arcobaleno, Agedo e GayLib sono stati ricevuti da Fini nel suo uffico di presidenza verso le 15:00 e insieme hanno parlato soprattutto di omofobia. A raccontarci i retroscena è il presidente di Gay Lib Enrico Oliari.

«È stato un incontro molto cordiale durato un’ora e mezza durante il quale il Presidente ha preso molti appunti. Uno alla volta lo abbiamo informato sulla realtà gay oggi. Gli abbiamo spiegato che l’omofobia è ancora largamente presente nella società e che in Parlamento giace una legge in merito. Si è parlato anche di discriminazioni sul lavoro, visto che era presente per Gay Lib anche la poliziotta lesbica che è stata minacciata di licenziamento dopo il uso coming out

Da parte sua, Fini, ha invece spiegato come lui intende la società moderna, una società «dove al posto dell’interesse per la Nazione o per la classe sociale come accadeva una volta, si deve porre attenzione piuttosto all’individuo. Da qui – ha proseguito Oliari – ha auspicato che l’interesse per l’individuo porti ad una fine anche delle discriminazioni».

Organizzatrice dell’incontro è stata la deputata del PD Paola Concia che in questi giorni sta lottando in Commissione Giustizia per l’approvazione della legge contro l’omofobia. E a proposito di omofobia, anche la data non è casuale. Mancano pochi giorni, infatti, al 17 maggio, giornata contro l’omofobia e la transfobia. «Non abbiamo ricevuto promesse – ha detto il presidente di Gay Lib – ma abbiamo portato a casa il suo interesse per la legge della deputata Concia.»

Ma a rovinare la festa ci si è messa Arcigay. «Il presidente Aurelio Mancuso ha voluto eslcudere Gay Lib dal comunicato stampa post-incontro pensando, come sempre, di rappresentare tutti i gay italiani». E infatti, nella lista di partecipanti all’incontro diffusa da alla stampa da Arcigay manca proprio Gay Lib. «Rappresentiamo i gay liberali che si riconoscono nel centro-destra – dice a Gay.it il presidente Oliari -. Mancuso invece continua a ignorarci secondo una logica per cui ‘Il movimento sono io’, una frase che gli ho sentito dire davvero.»

Polemiche anche dalle transessuali. Mentre Arcilesbica polemizza sull’invito del Presidente Fini perché indetto durante la campagna elettorale, l’associazione Transgenere protesta per l’esatto contrario. «Per l’ennesima volta il movimento Trans italiano, non è stato invitato ad un appuntamento istituzionale ha spiegato Fabianna Tozzi, presidente di Trans Genere -.  La nostra non vuole essere la solita polemica sul fatto che qualcuno debba parlare in nostra vece, ma sul fatto che non siamo stati neppure interpellati. Le associazioni trans ed il coordinamento nazionale hanno appreso di questo incontro per puro caso, dal comunicato stampa di ArciLesbica, dove spiegavano i motivi della loro assenza pur essendo invitate. Forse sarebbe meglio ribadire che il movimento Trans esige di autorappresentarsi e non di essere rappresentato da qualcun altro.»

 

«È vero – ci dice il presidente di Gay Lib – le transessuali non sono state nemmeno citate. A dettare l’agenda degli inviti e paretendere di rappresentare tutti è stato, come al solito, il presidente di Arcigay Aurelio Mancuso

di Daniele Nardini

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...