Forlì: il sesso a pagamento diventa ricatto

di

Un imprenditore romagnolo si è ritrovato a subire i ricatti di un ragazzo con cui aveva avuto rapporti sessuali a pagamento. Ma il ragazzo è stato denunciato e...

3103 0

"Dammi altri soldi, oppure dico ai tuoi che sei omosessuale". E’ questo il succo di un tentato ricatto di cui è stato vittima un noto imprenditore forlivese di 57 anni, in passato anche con incarichi politici. A cercare di ricattarlo, si legge sul "Corriere di Romagna", un trentenne finito agli arresti domiciliari: i due si erano conosciuti in luoghi di Forlì noti per essere abituale punti di incontro tra gay, cui erano seguiti alcuni incontri di sesso a pagamento.

A pagare, naturalmente, era stato l’imprenditore. Il suo partner, però ad un certo punto ha chiesto altri soldi (a quanto pare poche centinaia di euro), minacciando, in caso contrario, di rivelare la natura dei loro incontri alla famiglia dell’imprenditore. L’uomo ha denunciato l’accaduto ai carabinieri. Venerdì sera l’epilogo: il trentenne è stato arrestato dai militari durante l’ennesimo incontro a due.

Leggi   Ho 10 canzoni con cui fare sesso e posso ospitare
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...