Forza Nuova potrà sfilare contro i gay

di

Autorizzata una contro-manifestazione della formazione di estrema destra in contemporanea con il Pride di Verona del 9 giugno.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Forza Nuova potrà sfilare per le strade di Verona il 9 giugno, lo stesso giorno nel quale è prevista la manifestazione "La cittadinanza va scritta" organizzata dai gruppi omosessuali. Dopo le minacce che i gay hanno ricevuto nei giorni scorsi presso le loro sedi di Verona, Padova e anche Roma, ora arriva lo schiaffo della amministrazione pubblica della città di Verona, che ha accordato a Forza Nuova l’autorizzazione a sfilare in una contro-manifestazione contemporanea a quella gay. Lo hanno comunicato esponenti della formazione di estrema destra, che in Veneto intreccia i suoi interessi con la Lega Nord e i gruppi integralisti cattolici, nel corso di una conferenza stampa. Dalla Questura confermano la concessione dell’autorizzazione.

Ma non è tutto. Anche gli integralisti cattolici di Famiglia e Civiltà sono preoccupati per la manifestazione gay, e hanno organizzato una messa "di riparazione in lingua latina e rito romano antico in espiazione della profanazione di Verona da parte degli omosessuali il 9 giugno". La messa sarà celebrata in una piazza del centro di Verona, in concomitanza con la sfilata gay. La stessa organizzazione Famiglia e Civiltà era stata condannata a pagare un risarcimento all’Arcigay di Verona per fatti accaduti nel 1995.

Gli organizzatori della manifestazione veronese, in un comunicato stampa, denunciano l’immobilità delle istituzioni, che non fanno nulla per «evitare che tali gruppi, che incitano chiaramente all’odio e alla violenza, possano scendere in piazza contro cittadini e cittadine che portano avanti ideali di convivenza civile e democratica, nel rispetto di diritti che uno Stato laico dovrebbe salvaguardare».

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...