Foto porno di un deputato gay nelle mani degli “hacker del PD”

di

Un gruppo che ci fa chiamare "Gli hacker del PD" ha sottratto al Movimento 5 Stelle email private per ricattare gli onorevoli. Ci sarebbe anche la foto di...

10500 0

Non solo conversazioni e scambi di opinione: nelle email che alcuni hacker hanno trafugato a una trentina di deputati e senatori del Movimento 5 Stelle ci sarebbero anche fotografie e video hard. Ne dà notizia oggi il quotidiano Libero, che parla di parlamentari grillini “sotto ricatto” degli hacker, anzi sotto “pornoricatto” come titola in apertura della prima pagina di oggi.

“Circolano tre immagini (che Libero ha visionato) – si legge sul quotidiano – con una donna senza veli e in atteggiamenti inequivocabili di autoerotismo” e che “somiglia molto a una deputata di cui non facciamo il nome per evitare complicità con i ricattatori”. Stessa sorte, riporta Libero, “sarebbe capitata a un suo collega omosessuale”. La violazione delle caselle di posta elettronica, sulla quale la Procura di Roma ha aperto un’inchiesta, è opera di “pirati” che si autodefiniscono “Gli hacker del Pd” che minacciano M5S di rendere noto il contenuto integrale delle mail se non verranno esaudite le loro richieste, in primis la “pubblicazione immediata” dei “Redditi e patrimoni di ‘Giuseppe Grillo’ e ‘Gianroberto Casaleggio'”

Leggi   Millennials, anche tra gli etero si diffonde il sesso anale
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...