Gallo: forse nel 2004 un vaccino anti-Aids

di

Il vaccino contro l'aids che si sta mettendo a punto nell'Istituto di virologia umana dell'Universita' del Maryland potrebbe avere entro breve tempo esito positivo.

VIENNA – Il vaccino contro l’aids che si sta mettendo a punto nell’Istituto di virologia umana dell’Universita’ del Maryland potrebbe avere entro breve tempo esito positivo. Lo ha detto il professor Robert Gallo, scopritore del virus dell’aids e direttore dello stesso istituto.

"Sono ottimista, dopo che scienziati del mio istituto hanno sviluppato un vaccino che in tre tipi di animali ha dato prova di immunizzare contro vari ceppi dell’aids – ha detto lo studioso in una conferenza stapa presso la facolta’ di veterinaria dell’Universita’ di Vienna. – Abbiamo motivo di sperare che il vaccino funzioni anche con gli esseri umani e credo che nel 2004 si potrano vedere i primi risultati".

"Per il prossimo natale vedremo gia’ primi risultati dei nostri esperimenti con il vaccino sulle scimmie", ha assicurato, ammonendo che i paesi industrializzati non devono credersi al riparo dall’epidemia, dato che "il mondo versa in grave difficlta’ in molte zone, in conseguenza dell’aids. L’epidemia si espande in forma dinamica e la situazione peggiora".

"L’estate scorsa sono stato in Calabria – ha proseguito Gallo – e a 200 metri dalla strada ho visto prostitute di origine africana. Basta guardare alla situazione in Europa dell’est per capire che il problema non si risolve".

La difficolta’ principale che i ricercatori si trovano a dover affrontare e’ la continua mutazione del virus, che da’ vita a nuovi ceppi, e l’incapacta’ del sistema immunitario di attaccare tutte le mutazioni.

Leggi   HIV, nessun contagio se ci si cura: lo studio che lo conferma
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...