Gasparri: “Quello della Concia è un finto matrimonio”

di

Ancora attacchi alle nozze della deputata del Pd che ha sposato la sua compagna in Germania. Il presidente dei senatori del Pdl: "Da Avvenire parole di saggezza e...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3368 0

Non accennano a placarsi le polemiche sul matrimonio di Anna Paola Concia e Ricarda Trautman scatenate dal direttore del quotidiano dei vescovi Tarquinio e alimentate adesso da Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl al Senato.

"Suggeriamo – dichiara Gasparri a nome del partito – a chi ha le idee confuse in materia di famiglia e di matrimoni di leggere la risposta che ha pubblicato oggi il quotidiano Avvenire a firma del suo direttore Tarquinio". "Sono considerazioni chiare, non ideologiche, basate sul buon senso e sulla Costituzione" aggiunge il senatore tralasciando del tutto il fatto che si tratta delle parole del direttore del quotidiano della Conferenza Episcopale Italiana.

Gasparri continua definendo "finto" il matrimonio della deputata del Pd con la sua compagna che, invece, è perfettamente valido agliocchi della legge tedesca e riconosciuto da una ventina di paesi dell’Unione Europea, per restare nel Vecchio Continente.

"L’unica famiglia tutelata dalla Costituzione e orientata alla vita – dice Gasparri – è quella formata da un uomo e una donna. L’aggressione polemica della Concia ad Avvenire è priva di senso come il suo finto matrimonio. Legga anche lei le parole di Tarquinio piene di equilibrio, saggezza e verità".

E mentre Gasparri è impegnato a schierare se stesso e il suo partito a fianco delle gerarchie vaticane, Franco Grillini risponde al sottosegretario alla Famiglia Carlo Giovanardi, ospite questa sera al Mardi Gras di Torre del Lago, e al sondaggio secondo il quale il 65 per cento degli italiani sarebbe contrario al matrimonio gay."I diritti non dovrebbero essere sottoposti a sondaggio – ha tuonato il responsabile dei diritti civili per l’Italia dei Valori -, soprattutto se garantiti in tutta Europa, tranne che in Italia. Invece, è interessante sapere che il Dipartimento per le politiche della famiglia della presidenza del Consiglio abbia dei fondi da spendere per un sondaggio sull’omosessualità".

"Tra l’altro – continua Grillini – cogliamo l’occasione per ricordare a Giovanardi tutti quelli che dicono che gli italiani sono contrari a finanziare con soldi pubblici le scuole private. Quindi attenzione, perché chi di sondaggio ferisce, di sondaggio perisce". "Naturalmente non poteva mancare Gasparri – conclude il presidente di GayNet – che quando c’è da menare le mani, in senso metaforico, sugli omosessuali non si tira mai indietro. Di lui non ci stupisce ormai più nulla, certo è che poteva anche sforzarsi di avere un po’ più di rispetto verso l’onorevole Concia. La destra italiana, incapace di gestire la crisi finanziaria, si consola con queste sparate omofobe dimostrando ancora una volta di essere la peggiore d’Europa".

Leggi   Miami Pride, due ragazzi brutalmente aggrediti perché omosessuali - video
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...