Gay e riparazione, Bagnasco: «Niente opinioni scientifiche»

di

Il cardinale Angelo Bagnasco cerca di stemperare i toni dopo la polemica Diocesi-Associazioni gay. «Queste affermazioni, da sole, per ora sono estremamente deludenti», dicono da Arcigay Genova.

917 0

«Non tocca a noi dare valutazioni di tipo scientifico, ma a noi toccano quelle di tipo etico». Così il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei e arcivescovo di Genova, a margine di un convegno sul disarmo nucleare, ha risposto a chi gli domandava di rasserenare gli animi dopo le polemiche scatenate dalle parole del vicario giudiziale del Tribunale ecclesiastico ligure, monsignor Paolo Rigon, sulla omosessualità.

«Mi pare che monsignor Rigon non abbia innanzitutto usato il termine estirpare – ha detto il porporato -. Così mi è stato detto. Quello che lui ha scritto nella sua relazione è molto semplice, direi ovvio, per quanto riguarda i motivi di nullità e il tema della fedeltà nel matrimonio. Per il resto non tocca a noi dare delle valutazioni di tipo scientifico ma a noi toccano quelle di tipo etico».

La replica di Arcigay Genova – L’intervento di Bagnasco era stato auspicato da Arcigay Genova che chiedeva al presidente della Cei parole chiaro sulle frasi di Monsignor Rigon sulle persone gay. E sempre dal presidente dell’associazione ligure Valerio Barbini viene espressa insodddisfazione per le parole di Baganasco giudicate "deludenti". «Da una figura autorevole come il Presidente della CEI continuiamo ad aspettarci parole che facciano chiarezza», ha detto Barbini.

«Queste affermazioni, da sole, per ora sono estremamente deludenti, crediamo che gli omosessuali credenti e i loro famigliari credenti meritassero, da una persona che è per loro un riferimento importante, qualche parola di più e maggiore chiarezza, se non inclusione almeno attenzione. Nel merito non possiamo che concordare con lui ma, visto che un esponente della sua Chiesa si è avventurato in affermazioni nel campo della medicina e ha lasciato intendere che in loro strutture potrebbe venire praticata psicoterapia nei confronti di persone omosessuali per modificarne l’orientamento sessuale, sono doverose delle smentite chiare da parte del Presidente Bagnasco, si tratterebbe infatti di una situazione di gravità inaudita. Da parte nostra riponiamo piena fiducia negli ordini dei medici e degli psicologi a cui oggi abbiamo inviato, come annunciato gli esposti e che sapranno sicuramente fare chiarezza. Restiamo inoltre a disposizione per un confronto pubblico sulla questione».

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...