GAY, UN SETTEMBRE CALDO

di

Si moltiplicano a sinistra i dibattiti sull'omosessualità. Ecco gli appuntamenti più importanti, alle feste di Unità, Liberazione e Rinascita. Con ospiti illustri.

669 0

PISA – Nella sinistra è più che mai aperto il dibattito sui temi legati all’omosessualità. Ed è un autunno caldo, questo, per i movimenti gay legati alla sinistra. Un settembre all’insegna soprattutto delle Feste dell’Unità, ma anche di Liberazione e di Rinascita, dove spuntano appuntamenti di ogni tipo incentrati sui gay. A dimostrare che l’impegno contro le discriminazioni, a sinistra, non si esaurisce e riprende vigore: a tenere banco sono le unioni civili, la vicenda del deputato olandese Pym Fortuyn, le polemiche sul Pride barese, la tutela delle coppie di fatto. E il fiore all’occhiello: una regione governata dalla sinistra, la Toscana, presenta il primo progetto di legge regionale contro le discriminazioni per orientamento sessuale.

Ma andiamo per ordine.

Stasera, ^Smercoledì 4 settembre, a Torino^s, si discute sulla vicenda di Pym Fortuyn, come spunto per dibattere della convivenza tra culture diverse che coabitano grazie al fenomeno dell’immigrazione, senza rinunciare ai diritti dei gay. Si sa che il politico olandese assassinato pochi mesi orsono, non vedeva di buon occhio la massiccia presenza nel proprio paese degli immigrati islamici, portatori di valori a suo dire discriminatori nei confronti delle donne e degli omosessuali. Ne parleranno alla Festa dell’Unità del capoluogo piemontese, il deputato DS Alberto Nigra, eletto nel collegio di Porta Palazzo, uno dei quartieri a più alta concentrazione di immigrati di Torino, insieme con Sergio Lo Giudice, Presidente Nazionale Arcigay, e Andrea Benedino, portavoce nazionale CODS.

Sempre stasera ^S4 settembre, a Prato^s, alla festa di Liberazione nell’immediata periferia di Viaccia, Azione Gay e Lesbica promuove un appuntamento sul tema dell’emarginazione omosessuale: la serata si apre con la proiezione del filmato "Nessuno è uguale" realizzato dall’Agedo di Milano, sull’omosessualità nell’adolescenza. Seguirà un dibattito su cosa significa essere gay nel nuovo millennio.

Le recenti vicende relative al patrocinio concesso dal berlusconiano presidente della regione Puglia al Gay Pride nazionale del 2003, e le polemiche innestate dalle dichiarazioni contrarie a questo patrocinio di Mantovano di An, saranno al centro di uno degli appuntamenti più caldi, quello intitolato "Nuovi diritti, nuove libertà" che si svolgerà ^Sa Bari giovedì 5 settembre^s alle 19.00 alla Festa provinciale de l’Unità. Al dibattito dovrebbe partecipare anche Livia Turco, della segreteria nazionale Ds, che è stata una ministro delle pari opportunità molto discussa per il suo mancato impegno verso gli omosessuali. Accanto a lei, ci saranno Alba Sasso, deputata DS del collegio barese, Tea Debois, della Direzione Nazionale DS, Andrea Benedino, e Michele Bellomo, portavoce del Gay Pride Bari 2003.

A partire ^Sdal 5 fino al 27 settembre a Roma^s, si svolge la Festa di Liberazione. All’interno della manifestazione ci sarà, dal 5 al 13, una rassegna di cinema gay curata da Rinascita Musica e Film srl e in collaborazione con E.Mik (clicca qui per il programma della rassegna cinema; i video di e.mik sono in vendita alla festa presso lo stand di Rinascita). Inoltre, il gruppo di lavoro www.gayroma.it, ha organizzato una serie di dibattiti (per il programma dettagliato, clicca qui): l’8 settembre si parla di identità di genere, il 13 di letteratura gay, il 25 dello sterminio degli omosessuali, e il 27 dei nuovi orizzonti del movimento gay.

In contemporanea all’appuntamento barese, ^Sgiovedì 5 settembre a Brescia^s, si svolgerà l’iniziativa, promossa da Orlando-Arcigay Brescia, "Diritti…. e rovesci: opportunità negate tra pregiudizi e silenzi". Interverranno Delia Vaccarello, giornalista de l’Unità, Sergio Lo Giudice, presidente nazionale Arcigay, Sergio Mazzoleni, presidente Ass. Orlando, e Adriano Taglietti, consigliere comunale DS – Brescia.

Leggi   Calabria, il titolare della casa-vacanza: "I gay? Persone normali. Ma noi siamo cattolici"

Ancora Benedino, insieme con Franco Grillini, deputato DS e presidente onorario Arcigay, animeranno ^Sa Grosseto sabato 7 settembre^s, alla Festa dell’Unità, il dibattito "La sinistra delle libertà: diritti gay, diritti di tutti" (ore 21,00). Al centro della discussione, soprattutto la recente proposta di legge regionale toscana contro le discriminazioni per orientamento sessuale accolta dalla giunta, sostenuta dal presidente Martini e attualmente in fase di approvazione.

Appuntamento importante ^Slunedì 9 settembre a Milano^s, alla Festa provinciale de l’Unità, dove al PalaTucker (ex PalaVobis) Franco Grillini presenterà la proposta di legge sulle unioni di fatto, modellata sulla falsariga del PaCS francese, e che è già stata depositata in Parlamento. Accanto a lui, oltre a Andrea Benedino, ci saranno Barbara Pollastrini, deputata Ds e responsabile nazionale Donne DS, Emanuele Fiano, capogruppo DS al comune di Milano e Pietro Rutelli, Margherita, vice-presidente del Consiglio Comunale di Milano. Proprio Rutelli si era reso protagonista, poco tempo fa, di uno storico incontro avvenuto tra l’amministrazione comunale milanese e l’associazionismo gay. Per questo, l’appuntamento sarà anche occasione per approfondire e coltivare i semi piantati in quell’incontro.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...