GAYTHON: LE STORIE

di

L'esperienza di Maria, mamma di un ragazzo gay

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Vogliamo presentarvi le storie di alcune di quelle eroine e eroi senza corona, che hanno combattuto e combattono le quotidiane battaglie dell’accettazione e della lotta al pregiudizio, affrontando con orgoglio l’omosessualità dei loro figli. Ad aiutare questi genitori, c’è da anni in Italia l’Agedo, la Associazione di genitori e amici di Omosessuali, che oggi, per continuare a realizzare i suoi importanti progetti, chiede l0aiuto di tutti noi. partecipa, facendo una donazaione, anche solo di 20.000 lire, nella pagina di Gaython.

Di seguito, riportiamo la storia di una di queste mamme, tratto dal libro di Giovanni e Paola Dall’Orto "Figli Diversi", che aiuta a capire quanto sia importante un’organizzazione come l’Agedo.

Una famiglia cambiata

È da circa un anno che Maria ha saputo delle tendenze sessuali di suo figlio Luca, ed ancora la piaga è aperta al punto da lasciar sfuggire una forte commozione. Tuttavia la sua disponibilità è totale, in nome dell’amore e dell’ammirazione che prova verso il suo ragazzo.

Suo marito è un uomo un poco chiuso, forse autoritario, molto cambiato però, e certo maturato, per la sofferenza causatagli dalla scoperta dell’omosessualità del figlio.

Luca è stato un bravo scolaro, quasi un "ragazzino modello", fino alla scuole medie, dopo le quali ha iniziato a manifestare una certa inquietudine, sfociata nell’abbandono dell’Università dopo aver dato con successo sei esami. Il figlio era lodato per la sua intelligenza e bravura, ma aveva difficoltà a farsi amici, difficoltà alimentata dalla sua tendenza a stare a casa da solo a leggere.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...