Genitori di omosessuali a Roma

di

Linea telefonica e sportello d'ascolto della Agedo, associazione di genitori di omosessuali, presso i locali del Mario Mieli di Roma.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Da mercoledì 20 giugno l’AGEDO (Associazione Dei Genitori e Amici Di Omosessuali) attiva a Roma una linea telefonica e uno sportello di ascolto per tutti i genitori, familiari e amici di persone omosessuali presso i locali del circolo di cultura omosessuale “Mario Mieli”, ogni mercoledì e ogni sabato dalle ore 17 alle ore 19; recapito telefonico: 06/54.13.985.

L’AGEDO è un’organizzazione di volontariato composta da genitori che hanno figlie o figli omosessuali che si propone di aiutare e sostenere quei genitori che hanno saputo dell’omosessualità della propria figlia o figlio e ne soffrono perché per loro è difficile comprendere o accettare.

«Pensiamo di poter condividere il loro disagio offrendoci come interlocutori per un dialogo su una situazione che noi abbiamo vissuto e superato – diceno all’Agedo – Sono sempre di più i genitori che chiedono a testa alta che i loro figli vengano accettati e rispettati».

Tra gli obiettivi dell’Agedo, quello di «far sì che i genitori di eterosessuali ci aiutino a creare una nuova mentalità capace di accettare tutte le diversità. Vogliamo, con la nostra forza, fare da argine alle discriminazioni, alle ingiustizie, alle intolleranze cui sono soggetti i gay e le lesbiche affinché acquisiscano pari diritti, libertà e rispetto come tutte le altre persone. A tale scopo abbiamo stipulato un Protocollo D’Intesa con il Ministero della Pubblica Istruzione e quello delle Pari Opportunità che ci permette di parlare, ascoltare e confrontarci con i giovani e gli insegnanti».

«Il nostro intento – conclude l’Agedo – è che nessuno abbia più a soffrire inutilmente per ignoranza. Vogliamo aiutare le famiglie a ritrovare armonia e serenità tra tutti i componenti».

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...