Germania: sesso gay tra premier e ministro?

di

Un ministro è stato sostituito dal parlamento regionale di Amburgo per aver minacciato il premier di svelare la sua presunta relazione gay con il guardasigilli.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


BERLINO – Il parlamento regionale di Amburgo ha confermato oggi la nomina decisa dal premier cristiano democratico (Cdu) Ole von Beust del nuovo ministro degli interni Dirk Nockemann al posto di Roland Schill, rimosso dall’incarico.
La coalizione fra cristiano democratici (Cdu), liberali (Fdp) e il partito dell’ex giudice ‘law and order’ Schill, al governo da due anni nella città-stato anseatica e’ cosi’ salva.
In un voto segreto, 60 deputati hanno votato per Nockemann e 57 contro. Due si sono astenuti mentre due voti erano nulli.
Il rimpasto si era reso necessario dopo la crisi di governo provocata dallo scandalo di accuse di omosessualita’ mosse da Schill a Beust. Il mese scorso Schill, fondatore del partito populista dell’offensiva dello stato di diritto, chiamato piu’ semplicemente Partito Schill, era stato sollevato dall’incarico dal premier perche’ lo aveva ricattato. Schill aveva infatti minacciato di rendere pubblico il presunto legame omosessuale di Beust con il ministro della giustizia Roger Kusch (Cdu) se egli non avesse desistito dal licenziare un suo collaboratore, il controverso assessore agli interni Walter Wellinghausen, del partito Schill.
Beust non si era piegato al ricatto e aveva denunciato Schill licenziando lui e prepensionando Wellinghausen. Il premier negava peraltro il legame con Kusch e decideva in seguito di nominare Nockemann, sempre del Partito Schill, nuovo ministro degli interni. Fino alla fine non era pero’ certo che questi ricevesse la maggioranza del parlamento con il rischio, in caso contrario, che il governo cadesse. Cosi’ non e’ stato.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...