GERTRUDE & ALICE

di

I 40 anni di "matrimonio" di Gertrude Stein e Alice B. Toklas

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
681 0
681 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Gertrude Stein fu una celebre scrittrice americana -oggi purtroppo quasi dimenticata- grande sperimentatrice del linguaggio, che visse a Parigi negli anni ’30 e nel suo appartamento al 27 di Rue de Fleurus ospitò e intrattenne i più importanti intellettuali e artisti dell’epoca. Infatti, più che per le sue qualità letterarie, enormi, ma fatalmente aristocratiche -definì se stessa, modestamente, "una delle più alte menti del secolo"- era nota per l’attività del suo salotto e per l’arguzia disincantata, che si traduceva in fulminante aforistica d’occasione.

Una specie di Oscar Wilde al femminile, se così si può dire, tenendo conto della confusione che nasce dai gusti sessuali di entrambi…

Gertrude, il suo salotto e i manicaretti della sua compagna, Alice, furono il faro e il rifugio di un’intera generazione di artisti e scrittori che in quegli anni si riversava a Parigi.

Il nome della Stein è rimasto famoso proprio per il "matrimonio" indissolubile con Alice B. Toklas, sua segretaria, cuoca, confidente e amante, anche lei americana, di San Francisco. La loro fu una relazione solida e ardente che durò, udite udite, ben 40 anni (una perseveranza che, oggi più che mai, può fare invidia all’eterosessuale più moralista e puritano).

Dai diari e dalle lettere degli amici dell’epoca si apprende che vederle camminare per le strade affollate della città era sempre un momento di scandalo per i parigini.

Le due donne, infatti, incuranti della decenza, si abbracciavano e si baciavano come una coppia "normale", alla luce del sole, ma bisogna pensare che, a quei tempi, neanche le coppie etero si abbandonavano alle effusioni in pubblico.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...