Gli americani vogliono i gay nell’esercito

di

Un sondaggio rivela che nella popolazaione civile è sempre maggiore, persino tra i conservatori, il consenso alla presenza visibile dei gay nell'esercito. Non così tra gli ufficiali.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Secondo un nuovo sondaggio, la maggioranza degli americani pensano che i gay dovrebbero prestare apertamente servizio nell’esercito, mentre più del 70% degli ufficiali delle Forze Armate americane rimangono contrari all’idea.

«Il paese è decisamente pronto perché il bando venga abolito, e persino i repubblicani sono a favore» ha detto Aaron Belkin, direttore del Centro per gli Studi sulle Minoranze Sessuali nelle Forze Armate all’Università di California a Santa Barbara. «Sono gli stessi militari che rimangono l’ultimo bastione che si oppone all’uguaglianza dei diritti», ha aggiunto.

Secondo la ricerca, che sarà pubblicata l’autunno prossimo sull’edizioni del MIT, il 56% di 1001 civili interrogati nel 1998 e 1999 hanno detto che ai gay dovrebbero essere permesso di servire apertamente nell’esercito, mentre il 37% non era daccordo. Anche precedenti sondaggi hanno mostrato un buon sostegno ai gay nelle forze armate, ma molti non chiedevano se i gay avessero dovuto prestare servizio apertamente, ha detto Belkin.

«Abbiamo ancora più di un terzo che dice no – sottolinea il co-autore dello studio John Allen Williams, professore alla Loyola University di Chicago – Le persone che vogliono il cambiamento devono fare un po’ di lavoro di convincimento.»

Il quadro è più deprimente tra i 713 ufficiali delle scuole militari nazionali interrogati. Circa il 73% non vuole che i gay servano apertamente. «C’è un’enorme differenza tra l’opinione dei militari e dei civili su questo – aggiunge Williams – Il fatto che vi siano queste grandi differenze indica la natura della sfida.»

Secondo il centro, uno studio del marzo 2000 rivelava che la percentuale di ufficiali della Marina Americana che si sentono "a disagio in presenza di omosessuali" era diminuita dal 58 al 36 percento dal 1994 al 1999. Nel pubblico in generale, invece, persino i conservatori stanno diventando più tolleranti. Uno studio del 2000 della Columbia University rivela che il 66% dei repubblicani appoggiano la presenza di gay nelle Forze Armate, contro il 56% nel 1996.

di Gay.com UK

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...