Gli psicologi contro l’Agesci: “Coming out capi è educativo”

di

L'ordine professionale della Lombardia interviene sulle linee guida dell'Agesci sull'omosessualità: "Il coming out dei capi insegna che essere gay è normale e previene il bullismo. Non patologizzare".

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
3129 0
3129 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Chiamati in causa dagli atti del contestatissimo seminario Agesci (Associazione guide e scout cattolici italiani), intitolato "Omosessualità: nodi da sciogliere nelle comunità capi. L’educazione fra orientamento sessuale e identità di genere", sono intervenuti anche gli psicologi tramite l’ordine lombardo che sottolinea il risvolto ‘educativo’ dell’eventuale coming out di capi scout omosessuali in quanto, come spiega la segretaria dell’Ordine Carlotta Longhi, "insegna ai ragazzi eterosessuali la legittimità ad essere lesbica o gay, prevenendo forme di omofobia e bullismo omofobo". La dottoressa Longhi si sofferma su frasi come quella che invita a chiedere consiglio a un esperto, "uno psicologo dell’età evolutiva o un pedagogista", se "il ragazzo o la ragazza presentano tendenze omosessuali".

"Condanniamo ogni tentativo di patologizzare l’omosessualità, che l’Organizzazione mondiale della sanità definisce una ‘variante naturale del comportamento umano’", spiega la segretaria dell’Ordine lombardo e sottolinea che "il consiglio di riferirsi allo psicologo per il semplice fatto che un ragazzo scout si dichiari omosessuale significa dare per scontato che il ragazzo o la famiglia non abbiano le risorse per gestire un orientamento sessuale non maggioritario visto come problematico in sé". A proposito dei coming out dei capi scout, l’aspetto più contestato del seminario, la dottoressa aggiunge che "la sottolineatura da parte dei relatori della necessità di prudenza si pone in contrasto con gli orientamenti teorici e clinici più recenti che vedono nella visibilità in ambito familiare, lavorativo ma anche educativo delle persone omosessuali un fattore di protezione da problemi psicologici e una condizione di benessere, sia personale che comunitario".

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...