Graziato gay, l’avvocato dormiva al processo

di

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha oggi revocato la condanna a morte di un imputato il cui avvocato domiva durante il processo. Era stato condannato per avere...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


WASHINGTON – La Corte Suprema degli Stati Uniti ha oggi revocato la condanna a morte di un imputato il cui avvocato domiva durante il processo. I giudici supremi hanno così accolto il ricorso di Carvin Jerold Burdine.

Adesso, toccherà al Texas decidere se processare di nuovo Burdine o lasciarlo libero. Lo Stato del Texas s’opponeva alla revoca, sostenendo che la mancanza d’attenzione del difensore non comporta, di per sè, un giudizio ingiusto.

Burdine era stato condannato per avere ucciso a coltellate il suo amante gay, W.T. Wise, a Houston nel 1983. Burdine confessò il delitto alla polizia, ma ora nega di avere ucciso Wise e afferma che a compiere il delitto è stato qualcun altro, mentre lui cercava di impedirlo.

Giurati e un cancelliere del tribunale hanno raccontato come l’avvocato d’ufficio di Burdine, Joe Cannon, abbia dormito per dieci minuti di fila a più riprese, durante il processo del 1984.

La condanna a morte di Burdine fu sul punto di essere eseguita nel 1987, prima che un ordine di sospensione consentisse al condannato di avviare l’azione ora avallata dalla sentenza della Corte Suprema.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...