Grillini: adozioni gay non all’ordine del giorno

di

Franco Grillini, deputato Ds e presidente onorario dell'Arcigay, muove alcune obiezioni al presidente della Camera, Pier Ferdinando Casini.

811 0

ROMA – Franco Grillini, deputato Ds e presidente onorario dell’Arcigay, muove alcune obiezioni al presidente della Camera, Pier Ferdinando Casini, che oggi ha espresso il proprio dissenso dalla legge spagnola sui matrimoni omosessuali.
Grillini precisa in particolare che sulle adozioni, la questione “non è all’ordine del giorno e non esiste. I Tribunali italiani dichiarano idonee all’adozione ben 25 famiglie per ogni adottabile”.
“Ciò che è all’ordine del giorno dei lavori della Camera, e più precisamente della commissione giustizia, è la proposta di legge sul Pacs, patto civile di solidarietà, il cui iter è fermo inspiegabilmente da mesi”, prosegue Grillini lamentando che non si riesca nemmeno “a proseguire nell’indagine conoscitiva per ragioni che francamente ci sfuggono” e sollecitando la “velocizzazione dei lavori parlamentari”.
Grillini sostiene poi, fra l’altro, che “anche nelle coppie di fatto (vale a dire conviventi non sposati) e nelle coppie omosessuali esiste quel ‘luogo privilegiato di affetti e di reciproca comprensione’ che Casini riscontra solo nelle famiglie tradizionali”. Il deputato dei Ds ripropone quindi il caso di Adele Parrillo, “compagna e convivente di Stefano Rolla ucciso dal terrorismo iracheno nei tragico attentato di Nassiriya” che è stata “esclusa dall’assistenza psicologica, dal risarcimento ai familiari delle vittime e dalle cerimonie commemorative” e “persino maltrattata dai funzionari del ministero degli interni”.

Leggi   A Barcellona arriva Fetiches, una mostra ad alto tasso erotico
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...