Grillini: cattolici olandesi a favore dei gay

di

Il deputato Ds e presidente onorario dell' Arcigay: "Non è vero che tutti i partiti del Ppe siano schierati sulle posizioni di Fi o delle altre Dc contrarie...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


BOLOGNA – "La DC olandese (Cda) è ben diversa da quella italiana e dalle altre europee sui diritti degli omosessuali. è favorevole all’ inseminazione delle coppie lesbiche e della creazione di centri di assistenza per gay anziani; ha eletto almeno una parlamentare lesbica, Gerda Verburg". Lo rileva Franco Grillini, deputato Ds e presidente onorario dell’ Arcigay, per poi aggiungere: "Non è vero, quindi, che tutti i partiti del Ppe siano schierati sulle posizioni di Fi o delle altre Dc contrarie alle rivendicazioni gay e lesbiche".

"La Cda – sostiene Grillini – non ha solo una componente cattolica, anzi. C’ è la componente che fa capo alle chiese riformate (che fanno riferimento alla regina), le stesse che pochi mesi fa hanno approvato il matrimonio gay. Quindi nessuna sorpresa che nella Cda esistano posizioni così progressiste (almeno rispetto all’Italia). Su Gaykrant, il giornale dell’ organizzazione gay olandese Coc, fra l’ altro la Cda si è vantata con orgoglio di aver sostenuto il famoso documento di censura contro l’ Egitto e la violazione dei diritti degli omosessuali in quel paese. Alle 10 domande che il Coc ha sottoposto ai partiti in lizza (esclusi, ovviamente, i partiti religiosi Cu e Sgp) e pubblicate su ‘Gaykrant’ le risposte sono state più o meno simili, dalla Sp di estrema sinistra alla Cda di destra. Anche la Lista Pim Fortuyn, smentendo a volte uscite un pò equivoche del suo defunto leader, si è dimostrata in assoluta linea con tutti gli altri partiti riguardo le questioni omosessuali. Immancabile è stata la questione sul come rapportarsi con gli immigrati (argomento cardine di tutta la campagna elettorale), che assumono spesso atteggiamenti omofobi. Tutti i partiti hanno riconosciuto la necessità di avviare corsi per i nuovi arrivati e potenziare l’ informazione al riguardo. Interessanti poi le posizioni del Cda su vari argomenti: si dice a favore dell’ adozione per le coppie gay (argomento su cui invece, in passato, il partito in parlamento si era spaccato); non candiderà persone con atteggiamenti omofobici; sosterrà iniziative a livello internazionale per il rispetto dei diritti delle persone omosessuali; in queste elezioni erano inoltre presenti quattro gay e lesbiche dichiarati nelle liste del partito".

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...