Gruppo su Facebook invita le donne ad abortire i “feti gay”

di

L'ultimo delirio si chiama "Abortire i gay è un atto di fede". Lo scopo è quello di invitare le donne a far sì che non nascano più gay....

2619 0

La fantasia degli omofobi sembra non avere limiti e confini. L’ultima trovata su Facebook è il gruppo dal nome "Abortire un gay è un atto di fede" che per quanto delirante ha raccolto finora 386 consensi. "Abortire un futuro sodomita – si legge nella presentazione del gruppo – non è peccato ma è il male minore. Abortire un futuro sodomita è un dovere morale." 

E c’è chi racconta – sperando sia solo frutto di una fantasia malata – di aver già provveduto ad eliminare il "feto omosessuale". «Oggi ero in sala operatoria con una nostra amica che, dopo aver scoperto la sodomia potenziale del feto, ha deciso di abortire. Io, i volontari dell’associazione, il ginecologo e gli infermieri, tutti rigorosamente cattolici, le eravamo accanto. Lei ha deciso di fare l’anestesia locale per godersi la liberazione dal demone. Aveva il sorriso in faccia mentre cacciava questo tumore. È stato bellissimo e nella cappella della clinica il prete ci ha dedicato l’omelia».

Nel mezzo di questa follia, verrebbe da chiedersi: ma come si fa a sapere se un feto diventerà un bambino gay? «I nuovi studi del dottor A.Hoffman – si legge – hanno mostrato come l’omosessualità sia dovuta ad un gene. Inoltre, il dottor Hoffman ha mostrato al mondo come questi geni siano identificabili a partire dalla settima settimana di gestazione». E viene rivelata addirittura quella che sarebbe addirittura la prima apertura della religione cattolica verso l’aborto: «La Chiesa è ferma nella sua nuova posizione: non è peccato abortire un figlio gay. Anzi, è più grave tenerlo con sé e farlo crescere come se fosse normale».

Segnalare il gruppo e i suoi deliri è facile. Basta cliccare sulla rotellina a fianco della scritta "messaggio" e poi su "Segnala pagina". Apparirà fra le motivazioni della segnalazione anche "Discorsi contenenti odio" e la successiva opzione "Attacca in base a sesso o orientamento sessuale". Non vedere più una pagina simile su Facebook sarebbe sì, questo, un aborto utile.

Leggi   Omofobia a Roma, l'audio originale della chat di classe: "Vai a succhiare"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...