I Softcell tornano insieme

di

L'amore che osa cantare il suo nome: lo storico gruppo dei Softcell (dave ball e Marc Almond) si riunisce per partecipare al festival gay del pop Wotapalava ideato...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


I Soft Cell si riformano, e partono subito in tour per gli Stati Uniti. Una notizia che scioglierà il cuore degli ammiratori di questo duo, autore di alcune tra le più struggenti canzoni degli anni ’80 ("Say hello wave goodbye", "Torch", "Home is where the heart is" oltre allo storico remake di "Tainted love"). Tra gli indiscussi soulmaster del queer rock anni ’80, il gruppo aveva lasciato spazio alle carriere solista di Dave Ball (solo o con i Grid) e soprattutto di Marc Almond (solo, come Marc and the Mambas fino alle ultime collaborazioni con i tedeschi Rosenstolz), il Marc che abbiamo visto in forma smagliante più camp che mai nel giorno del suo compleanno al World Pride dell’anno scorso a Roma.

Ma non è davvero l’unica notizia straordinaria: i due partecipano al primo tour pensato per valorizzare la peculiarità dell’amore omosessuale e chiamato "Wotapalava".

Ideato da Neil Tennant dei Pet Shop Boys, il tour coprirà le maggiori città americane e vedrà impegnati INSIEME, oltre a Soft Cell e Pet Shop Boys, niente meno che Sinhead O’Connor, l’ineffabile Stephin Merrit con i Magnetic Fieds e Rufus Wainwright.

Il primo rock festival gay al mondo ha per nome un’espressione d’inglese quotidiano che significa "quanto casino per niente", e vuole valorizzare contenuti di amore e sensibilità anziché genitalità o di oltraggio a tutti i costi.

"E’ la celebrazione della libertà individuale, della possibilità di fare ciò in cui si crede" ha dichiarato Neil Tennant dei PSB.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...