I soldi della Chiesa per le campagne contro le nozze gay

di

Secondo Human Right Campaign la chiesa cattolica ha investito 2 miliardi di dollari nei referendum contro il matrimonio gay, ma se si contano le organizzazioni affiliate si arriva...

2503 0

Stando a quanto denuncia Human Right Campaign, la Chiesa cattolica avrebbe donato circa 2 milioni di dollari alle associazioni anti-gay che in Minnesota, Maryland, Maine e Washington hanno fatto nei mesi scorsa campagna elettorale perché i matrimoni gay venissero sconfitti tramite il voto referendario. Come sappiamo, le cose sono andate diversamente e i matrimoni gay sono adesso, in quei stati, realtà.
"Iniziando da dove i Mormoni avevano finito nel 2008 – denuncia HRC -la chiesa cattolica e i suoi affiliati "I Cavalieri di Colombo", hanno fatto considerevolo investimenti nella lotta contro il matrimonio in   Minnesota, Maryland, Washington State e Maine nell’ultima tornata elettorale, spendendo quasi 2 milioni di dollari. In oltre, un’alleata della chiesa come la National Organization for Marriage, ha speso più di 5,2 milioni di dollari nella campagna elettorale".

"In tutti e quattro gli stati, gli oppositori del matrimonio gay hanno raccolto 11.3 milioni di dollari ai quali la chiesa ha contribuito per il 17 per cento – continua Human Rights Campaign -. Ma se si sommano la chiesa cattolica e i suoi alleati (NOM e i Cavalieri di Colombo) è chiaro che la percentuale sale al 65 per cento".
La cosa che stupisce è che tutto questo è avvenuto nonostante le cifre deisondaggi fatti tra i cattolici statunitensi hano dimostrato che il 60 per cento di loro è a favore dei matrimoni gay e l’80 per cento ha dichiarato di nn sentirsi vincolato dalle opinioni dei vescovi. E tutto questo avviene mentre il tasso dip overtà oltreoceano aumenta, specialmente tra la popolazione che arriva dai paesi latinoamericani, uno dei bacini di fedeli più imponenti  per la chiesa cattolica.

Leggi   Le Iene, Francesco e Giuseppe si raccontano: "Cacciati di casa, ma ci amiamo"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...