IL GRIDO DELL’AFRICA

di

Swaziland, un piano per salvare le madri sieropositive. Uganda, assistenza alle famiglie colpite da Aids. Zanzibar, un laboratorio di sierologia virologica. Grazie a 'Convivio' e all'Anlaids.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


MILANO. Speranze, progetti, impegni. Una triade per la salvezza di milioni di persone colpite da Hiv. In simbiosi con Convivio e organizzato da "Intermedia", si è tenuto a Milano un incontro tra coloro che sono in prima linea, nella lotta all’aids in Africa. Il grido di disperazione di donne, uomini e fanciulli è la stessa agonia di un intero continente lacerato da povertà e guerre tribali. L’intervento sull’infezione da Hiv è fortemente ostacolato dai problemi economici e socio-culturali. Nonostante l’abbattimento del prezzo dei farmaci antiretrovirali, le risorse economiche delle popolazioni africane, restano insufficienti a sostenere programmi di trattamento a lungo termine. Esiste anche il problema legato agli orfani di aids.

"Save the mother, save the future" è la proposta di intervento integrato di salvataggio delle madri Hiv-positive, e per il mantenimento nel contesto familiare, allargato agli orfani nella comunità rurale di Shewula, piccolo centro di 10.000 abitanti sull’altipiano delle Lubombo Mountains, tra lo Swaziland e il Mozambico. A settembre si darà avvio all’intervento, grazie ai fondi raccolti da Convivio, l’aiuto dell’Anlaids della Lombardia, l’Istituto di Malattie Infettive e Tropicali dell’Università di Milano, l’Ospedale Luigi Sacco di Milano e il COSPE di Firenze. Va ricordato che nell’Africa sub-sahariana vive il 70% degli adulti e l’80% dei bambini infettati da Hiv nel mondo. Nell’area sudafricana (Sud Africa, Botswana, Lesotho e Swaziland) una persona su quattro di età tra i 15 e 49 anni è portatrice di infezione da Hiv. A Milano, la Dr.ssa Phetsile Diamini ministro della salute dello Swaziland, sembra presentarci un bollettino di guerra. Dal 1986, anno in cui apparve il primo caso aids la situazione si è aggravata ulteriormente. La signora Dlamini colloca il suo Paese tra i primi quattro più colpiti dall’infezione nel mondo. Muoiono 229 neonati su 100.000 e la durata media della vita è scesa da 63 a 38 anni. Nonostante la stabilità politica, garantita da una monarchia tradizionale che dura da due secoli, le condizioni economiche restano precarie aggravate dalla presenza del terribile morbo. "Le caratteristiche delle persone colpite" spiega ancora il ministro Phetsile "e le dimensioni del problema portano purtroppo a prevedere, in assenza di interventi tempestivi, la perdita in pochi anni della maggioranza dei quadri dirigenti e una gravissima crisi in grado di sconvolgere il tessuto sociale e organizzativo del Paese".

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...