Il grillino: “I vaccini fanno diventare gay”

di |

Dopo il caso dell'HIV che non esiste, scoppia un'altra teoria di medicina fai-da-te nel Movimento 5 stelle. Un esponente del Meetup lombardo: "Ogni vaccinazione produce omosessualità". M5S si...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
9067 0
9067 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Gian Paolo Vanoli, esponente del gruppo Meetup “Lombardia 5 Stelle” offre altro materiale di medicina alternativa – o meglio fai date – dopo il caso del virus HIV che per Beppe Grillo sarebbe un’invenzione. Questa volta nel mirino del movimento ci sono i vaccini obbligatori, responsabile – secondo il referente del Movimento su Ambiente e Salute di Segrate- di “provocare omosessualità”, che è una malattia, nonostante quello che dice l’Organizzazione mondiale della Sanità.

Reponsabili di indurre autismo, ischemie e altri eventi nefasti (tutto documentato, dice lo pseudomedico, con 1200 documenti ufficiali pubblicati sul suo sito personale), i vaccini causano anche omosessualità a causa – spiega- delle sostanze in essi contenute che inibiscono la formazione della personalità. “Quando il vaccino viene introdotto nel bambino – dice Vanoli in un’intervista al sito Vice.com -, questo poi cresce e cerca di trovare

una propria personalità, e se questa viene inibita dal mercurio o dalle sostanze vaccinali che si introducono nel cervello diventa gay. Il problema lo sentiremo soprattutto nelle prossime generazioni, perché quando abbiamo un omosessuale che genera una figliolanza questi si porteranno dietro il DNA dell’ammalamento del genitore. Perché l’omosessualità è una malattia, anche se l’OMS ha deciso che non lo è. Chissenefrega! La realtà è che è così. Ogni vaccinazione produce omosessualità, perché impedisce la formazione della personalità. È una microforma di autismo, se vogliamo. Lei vedrà quanti omosessuali ci saranno nelle prossime generazioni, sarà un disastro”.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...