Il Mieli critica la commissione sui gay

di

Il circolo romano ha contestato la decisione del ministro per le Pari opportunita', Stefania Prestigiacomo, di insediare "una commissione per i gay, ma per curarli".

510 0

ROMA – Il circolo Mario Mieli ha contestato la decisione del ministro per le Pari opportunita’, Stefania Prestigiacomo, di insediare "una commissione per i gay, ma per curarli".

Per l’ associazione, la commissione "Sessualita, discriminazioni ed integrazione sociale" ha un nome "assai risonante e fa presagire intenti e progettualita’ alquanto complessi, ma, tralasciando l’ amara ironia, i presupposti destano profonde preoccupazioni. Prima di tutto le Associazioni competenti, Gay, Lesbiche, Bisessuali e Transessuali, non sono state minimamente consultate al riguardo, pur essendo quelle che realmente hanno esperienza e conoscenza della tematica". Il circolo Mieli, poi, non condivide la composizione della commissione, di cui sono stati chiamati, tra gli altri, a fare parte un infettivologo, un immunologo, un pedagogo, una docente di Psicologia sociale della famiglia.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...