Il nuovo spot contro l’omofobia del ministero

di

Esce il nuovo spot contro l'omofobia del Dipartimento per le Pari Opportunità. Fra i sei protagonisti, anche l'ex Mister Gay Italia Giulio Spatola. Lo slogan è "Sì alle...

CONDIVIDI
1 Condivisioni Facebook Twitter Google 1 WhatsApp
3253 0
3253 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.

"Mancina, alto, gay, lesbica, rosso, intonata. E non c’è niente da dire. Sì alle differenze, no all’omofobia". E’ questo lo slogan scelto dal ministero del Lavoro con delega alle Pari Opportunità Elsa Fornero per la nuova campagna antiomofobia che andrà in onda con manifesti, brochure e spot televisivi sui canali nazionali. I protagonisti sono 6 giovani, tre ragazzi e tre ragazze, ognuno delle quali con una propria caratteristica fra cui, nel caso di un ragazzo – interpretato da Giulio Spatola, già Mister Gay Italia e Mister Gay Europe – e una ragazza, quella dell’orientamento sessuale gay.

Lo spot, per ora visibile solo in alcuni spazi pubblici di Roma, fra cui la stazione Termini, è il secondo spot istituzionale contro l’omofobia. Il primo fu prodotto dal Ministero delle Pari Opportunità guidato da Mara Carfagna durante il governo Berlusconi. Anche in quel caso, lo slogan richiamava l’omosessualità come una caratteristica poco importante al fine di giudicare una persona. "Rifiuta l’omofobia, non essere tu quello diverso", era lo slogan che compariva alla fine di una serie di un video che aveva per protagonisti infermieri, medici, pompieri. "Nella vita certe differenze non possono contare", suggeriva la voce fuoricampo, riferendosi alla loro omosessualità.

Lo spot del ministro Fornero segue quindi la linea tracciata dal predecessore Carfagna.

(Il video che segue è a qualità molto bassa in quanto la versione originale non è stata ancora ufficializzata dal Dipartimento)

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.

Abbiamo parlato di...


Commenta l'articolo...