“Il principe Harry? 100% gay-friendly”

di

A dirlo è James Wharton, ex commilitone del principe, e vittima di omofobia nell'esercito per il suo orientamento sessuale. Stando al suo racconto, fu proprio Harry a difenderlo...

3727 0

“Il principe Harry? Il mio miglior protettore. Una persona 100% gay-friendly: lui si definirebbe così”. A dirlo è James Wharton, ex soldato delle forze armate britanniche, dichiaratamente gay e attivista per i diritti lgbt. Nella sua ultima autobiografia “Out in the Army”, James racconta i suoi dieci anni da gay dichiarato nell’esercito, anni non sempre facili nei quali, però a volte si è trovato accanto commilitoni che lo hanno difeso. Tra questi il principe Harry insieme al quale James ha prestato servizio per un mese nel 2008.
“In quell’anno sei soldati minacciavano di picchiarmi perché ero gay” ha raccontato James in una intervista. Un giorno andò dal principe Harry e gli disse: “Credo che sarò ucciso in fanteria”.

Stando a James, il principe rispose: “Bene, penso che sistemerò questo schifo una volta per tutte”. Detto questo, il figlio più piccolo del principe Carlo e di Lady D. sarebbe andato dai sei soldati che minacciavano il commilitone e gli avrebbe detto che sarebbero stati sottoposti a severi provvedimenti disciplinari se non avessero smesso di comportarsi in quel modo.
Harry, sempre secondo il racconto dell’ex soldato, avrebbe chiacchierato a lungo con lui e sapeva della sua omosessualità da prima dell’incidente. “Sapeva che avevo un fidanzato che si chiamava Tom – ha raccontato James -. Quando dei soldati si annoiano nel cuore della notte chiacchierano. E non c’era niente da nascondere. Eravamo soldati seduti su un lato della collina che chiacchieravano e lui è 100% gay-friendly: si descriverebbe così”.

Leggi   "Scusati di essere gay", due minori arrestati per un'aggressione omofoba in metropolitana
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...