INCUBO CARAIBI

di

5 - Dal rapporto Amnesty International. Gay trattati come criminali, secondo leggi del periodo coloniale. Alle Bahamas, picchiati con le spranghe. Morte in Giamaica.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Caraibi? Non è proprio un sogno, per i gay. Anzi. Ecco le denunce presentate nel rapporto di Amnesty International "Odio criminale, congiura del silenzio. Tortura e maltrattamento basati sull’identità sessuale". In molti Stati caraibici le leggi che vietano i rapporti omosessuali sono una eredità del passato coloniale. I governi perpetuano la discriminazione creando un clima di violenza contro le lesbiche e i gay, sia da parte degli ufficiali di Stato, sia dalla collettività. Amnesty International sosteneva al Comitato delle Nazioni Unite a Trinidad e Tobago, nel 2000, che la difesa delle leggi che trattano gli omosessuali al pari dei criminali, creava un clima di pregiudizio che aumentava il rischio di attacchi e abusi. Alcuni rapporti suggeriscono che queste leggi sono spesso adottate dalla polizia come un mero pretesto per estorcere denaro alle comunità gay. Molti Stati mantengono leggi contro gli omosessuali, ritenendole necessarie per la prevenzione dell’HivAids. Tali leggi possono far sì che lavoratori con consapevolezza dell’Aids vengano detenuti o maltrattati in base al sospetto che essi incoraggino relazioni omosessuali.

BAHAMAS
Maltrattamenti omofobici vengono rilevati anche dove sono stati depenalizzati i rapporti omosessuali. Due ragazzi di 17 anni, furono arrestati con il sospetto di aver fatto sesso in un’auto parcheggiata nei pressi della spiaggia di Nassau. Costretti a denudarsi, vennero picchiati con una spranga di ferro. Alla stazione di polizia, furono fatti oggetto di insulti, negato loro il diritto di indossare gli indumenti intimi e di poter contattare familiari e avvocati. Nel 2000 il governo affermò che indagini sui fatti erano in corso. A febbraio dello scorso anno l’Acting Commisioner of Police Management Service scrisse ad Amnesty. I poliziotti coinvolti erano stati assolti perché non si era verificato alcun trattamento crudele verso i due diciassettenni. La richiesta di ulteriori informazioni rimase senza risposta.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...