Indagine USA del 2002 sui consumatori gay

di

Con 8.831 risposte, il Gay/Lesbian Consumer Online Census 2002 recentemente pubblicato, è lo studio sui consumi della comunità omosessuale più grande mai realizzato in America.

507 0

NEW YORK – Con 8.831 risposte, il Gay/Lesbian Consumer Online Census 2002 recentemente pubblicato, è lo studio sui consumi della comunità omosessuale più grande mai realizzato in America. Condotto da GLCensus Partners, l’indagine annuale riempie il crescente vuoto avvertito da produttori e service providers di una informazione dettagliata sul comportamento al consumo e sulle preferenze della comunità Gay/Lesbica/Bisessuale/Transessuale (GLBT).
«Riguardo alla comunità gay e lesbica, è proprio questo genere di informazione sulle preferenze del consumatore, dettagliata, aggiornata, rilevante, che i produttori e le aziende di servizio desiderano» afferma Amy Falkner dell’Università di Syracuse, direttore del progetto di ricerca.
Il primo dato che emerge è la predilezione dei gay per le auto, nuove e di notevoli dimensioni. Lo studio rivela che il 10,2% degli intervistati guida una macchina del 2002.
Il cibo e le bevande continuano ad essere articoli per cui si spende molto. Il Gay/Lesbian Consumer Online Census 2002 mostra che il 31% degli intervistati spende mediamente tra i 300 e i 499 $ al mese per fare la spesa. La stessa percentuale lascia mediamente dai 100 ai 199$ al mese sul tavolo del ristorante. Circa il 38% degli intervistati beve da 2 a 4 bicchieri di vino la settimana, in un paese come l’America dove l’uso del vino non è così diffuso come in Italia. Tra i liquori, le bevande preferite sono vodka, rum e tequila.
Il Gay & Lesbian Consumer Online Census 2001 e 2002 sono stati realizzati dalla GLCensus Partners, una partnership tra la Scuola di Pubblica Comunicazione della’Università di Syracuse e l’azienda pubblicitaria OpusComm Group.
«Le vendite di cibo e bevande sono affari grossi; non sorprende che l’industria si dia da fare per servire meglio le preferenze della comunità GLBT» ha spiegato Jeffrey Garber, presidente dell’OpusComm Group.

Leggi   Stati Uniti, esplode il caso dell'attivista intersex ucciso dalla polizia: "Aveva solo un coltello"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...