Indennizzo ai gay perseguitati dal franchismo

di

Iniciativa per Catalunya ha chiesto, in un disegno di legge, che vengano definitivamente abrogate tutte le leggi omofobe franchiste e che vengano indennizzati i gay perseguitati.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


"Iniciativa per Catalunya-Verds" (IC-V) ha presentato al Congresso spagnolo una proposta di legge nella quale si chiede di dare avvio alle pratiche necessarie per indennizzare gli omosessuali che sono stati perseguitati dal regime franchista e di eliminare tutti i procedimenti di polizia in corso a causa delle leggi omofobe franchiste ancora vigenti.

La proposta di IC-V, presentata in corrispondenza dei giorni della marcia dell’orgoglio gay, che a Madrid ha raccolto più di 150.000 persone, sottolinea che, durante il regime franchista e nei primi anni di democrazia, molte persone furono perseguitate a causa del loro orientamento sessuale, e secondo le leggi dell’epoca, sono state internate in centri speciali per "misure di rieducazione".

Il deputato e presidente di IC-V, Joan Saura, ammette che queste leggi sono state poco usate in democrazia, ma ritiene si debba prendere misure per preservare la privacy delle persone che ne sono state oggetto.

Pertanto, propone che tutti i casi di polizia aperti nei confronti di omosessuali in merito al loro orientamento sessuale siano trascritti nell’archivio storico per preservarne la memoria e al tempo stesso per garantire che questi dati non possano essere consultati fino a 25 anni dopo la morte degli indagati. Allo stesso modo, si chiede una indennizzazione per gli omosessuali perseguitati e condannati per il loro orientamento sessuale negli anni della dittatura.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...