India: eunuchi a convegno

di

Oltre duemila eunuchi si sono ritrovati nella città sacra di Rath per rivendicare maggiore attenzione da parte della pubblica amministrazione.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Si è svolto a Rath la più grande riunione di eunuchi mai avvenuta in India, primo passo perché questa categoria, spesso soggetta a discriminazioni e aggressioni, ottenga una effettiva tutela. Tra i duemila partecipanti, non tutti sono veri eunuchi: accanto a loro, si sono schierati anche transessuali, travestiti o ermafroditi, irritati dal fatto che, nel recente censimento della popolazaione, non ci fosse una categoria tra maschi e femmine adatta a rappresentarli.

La scelta della città di rath per il convegno, chiamato All Indian Eunuch Convention, «è stata presa perché in questa città, come narra il poema epico "Mahabharata", Arjuna, una delle figure della mitologia Hindu, visitò la corte del re vestito da eunuco. Per questo per noi la città è sacra», spiega uno degli organizzatori.

Molte delle persone presenti sono dedite alla prostituzione e all’accattonaggio, ma non manca chi si mantiene cantando alle tante feste popolari. Il convegno affronterà anche questo problema: «Molti nostri giovani sono coinvolti nel crimine e nella prostituzione – affermano gli organizzatori – vogliamo aiutarli per una vita più dignitosa e disciplinare nel contempo le regole della nostra società».

Il movimento conta anche l’appoggio di due eunuchi impegnati in carriera politica: «L’elezione di questi due nostri rappresentanti – dicono gli organizzatori – ha spinto molti tra noi a seguire il loro esempio e nelle prossime elezioni amministrative in questo stato candideremo un centinaio di eunuchi anche in appoggio ai politici che si interesseranno ai nostri problemi».

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...