Iran: stupra e uccide il nipote. Pena atroce.

di

Riconosciuto colpevole dell'assassinio del nipote sedicenne precedentemente violentato, i giudici lo hanno condannato a essere infilato in un sacco e gettato giù da una rupe, in modo che...

609 0

TEHERAN – Riconosciuto colpevole dell’assassinio del nipote sedicenne, precedentemente violentato, in Iran un uomo e’ stato condannato a morte con un supplizio degno del Medio Evo: i giudici hanno infatti sentenziato che sia infiliato in un sacco e gettato giu’ da una rupe, in modo che si sfracelli. Lo riferisce il quotidiano di Teheran "Norouz", precisando che con la consulenza di esperti di diritto penale e’ stata anche prevista l’eventualita’ in cui il reo sopravviva all’impatto: in tal caso, sara’ impiccato. Ha comunque venti giorni di tempo per presentare appello. L’omicida fu arrestato l’anno scorso a Mashhad, nel nord del Paese, poco dopo aver commesso il delitto; avrebbe "sedotto" il nipote, che lavorava con lui come garzone nel suo negozio di tappeti, per poi ucciderlo. Nella Repubblica Islamica fin dalla rivoluzione khomeinista del ’79 la pena capitale e’ in vigore tra l’altro per delitti a sfondo sessuale come la pedofilia, ma anche per l’omosessualita’ e addirittura per il semplice adulterio.

Leggi   Alto Adige, coppia gay richiamata da un bagnino dopo un bacio
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...