Irlanda del Nord, l’Alta Corte dice no ai matrimoni gay

di

Occhi puntati su Theresa May. I due uomini, pur sconfitti, non si arrendono: "Valuteremo il da farsi con il nostro team legale".

2315 1

Poche ore fa l’Alta Corte di Belfast ha detto no ai matrimoni gay, con una sentenza attesissima da attivisti e comuni cittadini dell’unica parte del Regno Unito dove ancora sono illegali.

Uno dei due casi in questione riguardava una coppia di uomini, sposatasi in Inghilterra e appellatasi alla Corte dopo il rifiuto dello Stato a riconoscere il matrimonio contratto all’estero. Il giudice, Justice O’Hara, non ha però ritenuto violati i loro diritti umani. “Non è difficile capire come gay e lesbiche soffrano per le barriere che ancora non consentono loro di sposarsi legalmente qui in Irlanda del Nord, ma io non posso fare una scelta sociale: devo fare una scelta basata sulla legge”.

In un comunicato rilasciato dall’avvocato della coppia si legge: “Siamo delusi. Serve altro lavoro per spiegare a tutti la verità: due uomini o due donne che si amano non minacciano la società”. Ma non si arrendono: “Discuteremo con il nostro team legale cosa è possibile fare”.

Gli occhi, a questo punto, sono tutti puntati sul primo ministro britannico, Theresa May, che recentemente si era espressa a favore del matrimonio egualitario. Prenderà ancora posizione?

Leggi   Australia: oltre 20.000 persone in piazza per il matrimonio egualitario
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...