ISLAM E OMOSESSUALITA’

di

1. Quale rapporto fra le principali religioni monoteiste e l'identità gay? Ce ne parla lo storico Franco Cardini. "Tra i musulmani convivono libertà e repressione"

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
675 0
675 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Con questo articolo si inaugura una riflessione sui rapporti fra religioni e omosessualità Tramite un’intervista a Franco Cardini, ordinario di Storia Medievale presso l’Università di Firenze, gay.it ha cercato di far luce sulle origini e i rapporti fra le tre massime religioni monoteiste, Cristianesimo, Islam, Ebraismo e l’identità omosessuale. Questa prima parte è dedicata all’Islam.

Professor Cardini, con l’avvento delle religioni monoteiste l’omosessualità non è stata più considerata una pratica naturalmente indifferente. Quali sono le ragioni?

"Le religioni monoteiste hanno maggiori tabù sessuali. Il loro obbiettivo primario è stato quello di distinguersi rispetto alle civiltà politeiste. Il Cristianesimo ha continuato su questa strada per contrapporsi al paganesimo. Ha raccolto l’identità ebraica con la stessa necessità di distinguersi. Per l’Islam è stato diverso. Gli islam nasce fra tribù nomadi e vi sono molti tabù sessuali tipici delle società nomadi. Nelle tribù vi era un’altissima mortalità infantile. Per cui non si doveva disperdere il seme, che serve a procreare e a perpetuare la stirpe. Di conseguenza non erano condannati solo i rapporti omosessuali, ma anche l’onanismo. ".

Quindi l’Islam già dalle origini, coltivava i semi dell’omofobia?

"Assolutamente no. L’Islam si è dovuto confrontare con forti realtà pagane. Per esempio gli animisti in Africa. Ed ha esercitato la stessa tolleranza con la pratica primitiva dell’infibulazione. Per essere chiari: vi sono alcune tradizioni tribali a cui i popoli erano affezionati e l’Islam non ha toccato queste abitudini. Teoricamente l’infibulazione sarebbe contro la legge islamica, ma poiché è una pratica consolidata, si tollera. E’ un paradosso: si mantengono alcune libertà e, di conseguenza, se ne reprimono altre, per accontentare le diverse comunità".

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...