Israele: autorizzata prima adozione gay

di

La Corte Suprema israeliana ha deciso di concedere ad una coppia lesbica il diritto di adottare i reciproci figli. Lo si legge oggi sul quotidiano israeliano 'Jerusalem Post'.

TEL AVIV – La Corte Suprema israeliana ha deciso di concedere ad una coppia lesbica il diritto di adottare i reciproci figli. Lo si legge oggi sul quotidiano israeliano ‘Jerusalem Post’ secondo il quale la sentenza, approvata ad ampia maggioranza, costituisce un importante precedente nella storia delle adozioni per le coppie gay.
Secondo la legge in vigore in Israele, il diritto di adottare bambini è riservato soltanto alle coppie sposate. Tuttavia, recentemente, la Corte Suprema ha emesso un decreto autorizzando una donna ad adottare i figli del proprio convivente, creando un precedente che è stato poi sapientemente utilizzato dalla coppia gay. Le due donne, conviventi ormai da 15 anni, avevano avuto i propri bambini negli anni ’90, mentre solo nel 1997 avevano deciso di presentare una petizione alla Tel Aviv Family Court rivendicando il diritto di adottare formalmente i reciproci figli.
La causa, durata quasi 7 anni, si è quindi conclusa con la sentenza della Corte Suprema, che ha riconosciuto che un’adozione avrebbe tutelato in maniera più appropriata i figli delle due donne (in tutto tre) di una semplice assegnazione di custodia, specialmente nel caso della morte della madre naturale.

Leggi   Rai 3, in onda domani un documentario sulla vita gay in Cina
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...