KISS2PACS DA RECORD

di

Roma entra nel Guinness dei Primati. 1705 coppie si baciano contemporaneamente reclamando il PaCS. Un momento emozionante che corona una giornata indimenticabile. La cronaca e le immagini.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Clicca qui per la galleria di foto.

ROMA – 1.705 Kiss2Pacs. Il movimento omosessuale italiano ce l’ha fatta! E quando dal palco della gremitissima piazza Farnese in Roma, il segretario nazionale Arcigay annuncia: "ce l’abbiamo fatta!", i quasi quattromila presenti si sciolgono in un applauso festante e liberatorio. Da sabato 14 febbraio 2004, siamo nel Guiness dei Primati.

A questo San Valentino, per una volta tutto gay, ci sono i rappresentanti dei movimenti omosessuali al gran completo, dell’imprenditoria omosessuale, i ragazzi di "Gay.Tv" e ci sono loro, le 1.705 coppie di ragazzi, gay, eterosessuali e lesbiche, giunti da ogni dove, per dare un segno di visibilità, di richiesta di diritti alle coppie di fatto, di partecipazione ad una manifestazione gioiosa.

Alle 15.00 cominciano ad arrivare in piazza ragazzi e ragazze che si tengono per mano, gruppi scesi da pullman giunti da Verona, Bologna, Torino, Parma, Napoli, Milano e tante altre città, dopo una levataccia mattutina; si innalzano striscioni e bandiere rainbow, si danza sulle note festanti della musica irradiata dal palco sormontato da cuoricini bianchi e rossi. Alle 16.00 è quasi impossibile muoversi, difficile recarsi perfino al banchetto per l’iscrizione al Kiss2Pacs e battere i 1.500 di Manila. "Oggi, stiamo scrivendo una bellissima pagina della storia del movimento omosessuale italiano", ci dice una ragazzina riccioluta che bacia divertita la sua compagna, sotto gli occhi divertiti di due anziani. Stefano e Nicola sono due bellissimi ventenni arrivati da Perugia: «Il Pacs ci sembra ancora lontano, ma noi siamo qui a dichiarare il nostro amore, a dire a tutti che esistiamo come coppia di fatto, sicuri che la società è più avanzata delle rappresentanze politiche. Con che coraggio questi signori ci dicono che il nostro amore non conta?».

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...