La Florida al voto su leggi anti-gay

di

25 anni dopo il tentativo di Anita Bryant, parte una nuova crociata contro gli omosessuali nello stato americano. Un'organizzazione religiosa tenta di abrogare le leggi anti-discriminazione.

ROMA – Venticinque anni dopo una delle piu’ famose battaglie contro i diritti dei gay, in Florida la storia si ripete. Gli elettori della contea di Miami-Dade dovranno decidere domani se abrogare le esistenti leggi anti-discriminazione. Il voto coincide con il ritorno del tema dell’omosessualita’ al top dell’agenda politica e culturale statunitense.

Era il 1977 quando Anita Bryant, una cantante pop, condusse una famosa crociata contro i diritti dei gay, ‘Save our children’. "Gli omosessuali non possono riprodursi, quindi devono essere reclutati", era lo slogan della sua campagna per rovesciare un’ordinanza locale nella contea di Miami-Dade che vietava la discriminazione sulla base delle scelte sessuali. La sua crociata ebbe successo e solo nel 1998 nella contea e’stata reintrodotta una normativa anti-discriminazioni.

Ora, dopo venticinque anni, la questione ritorna al centro dell’ agenda politica locale. Un’organizzazione chiamata ‘Take Back Miami-Dade’, di cui fanno parte molte congregazioni religiose, sta tentando di nuovo di abrogare le misure anti-discriminazione. Cio’ che e’ interessante notare, riguardo al voto di domani, e’ come il clima sia cambiato rispetto a venticinque anni fa. Nel 1977 la Bryant pote’ godere di un vasto appoggio e consenso. Ora, invece, le maggiori corporazioni e i maggiori leaders civili, temendo un contraccolpo dal mercato dei turisti gay che rappresenta una voce importante dell’economia locale, sono dalla parte degli omosessuali.

Leggi   Trump, stop alle tutele per gli LGBT che lavorano nel governo federale?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...