LA FORZA DELL’AMORE

di

Pamela Prati debutta nella prosa e da musa sexy si trasforma in madre-coraggio di un gay: di scena al teatro Colosseo di Roma "Beautiful thing" di Jonathan harvey,...

626 0

Da musa sexy a madre coraggio di un ragazzo gay. Potrebbe anche lasciare interdetti questo improvviso cambiamento di Pamela Prati, protagonista della commedia di Jonathan Harvey, “Beautiful thing”, che tutti conosciamo per la trasposizione cinematografica del ’96. La sorpresa è che questa edizione, per la prima volta sui palcoscenici italiani, non fa rimpiangere il film, anche se la scansione serrata delle scene lascia la sensazione di non aver afferrato in pieno le psicologie e le motivazioni dei personaggi. Ma il vero punto di forza sono proprio gli attori, tutti perfettamente calati nelle loro parti, e in particolare Pamela Prati, che presta il suo fisico e il suo volto a un personaggio di donna coraggiosa, ferita da un passato con un uomo violento, padre dell’altro protagonista, Luca, interpretato da Massimiliano Varrese, indurita nei sentimenti, che attraverso la scoperta dell’omosessualità del figlio, e della sua relazione con Ste (Manuele Labate), trova la voglia di ricominciare con un nuovo lavoro e lasciandosi andare finalmente a quella “bellissima cosa” che è l’amore, con il suo compagno bistrattato, interpretato da Marco Minetti.

Grande prova, e non era facile soprattutto in questo caso reggere il confronto con la sua omologa del grande schermo, è stata quella di Flores Fanciulli, nella parte di Alessia, fan di Mama Kessy, esilarante, imprevedibile, fuori di testa e generosa.

La classica amica che ogni gay vorrebbe avere. La storia d’amore tra i due ragazzi, è trattata dal regista Bruno Montefusco con un equilibrio costante tra commozione e un’innocenza a volte comica, ma senza ombra di macchiette e lagne. Non lasciarsi coinvolgere da questo percorso di accettazione che molti di noi hanno conosciuto è praticamente impossibile, e il finale, per una volta nella cupa letteratura delle storie d’amore gay, è felice, anche se venato di una bella malinconia.

Applausi a scena aperta e grande entusiasmo finale di un pubblico eterogeneo, che ha riempito il teatro Colosseo e seguito lo spettacolo con partecipazione.

In scena fino al 26 Marzo.

Per maggiori informazioni visitate il sito: www.rainbowonstage.com

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...