La pastora minacciata di morte per i matrimoni gay

di

È famosa per il primo matrimonio egualitario collettivo in Kansas, ma ora la minacciano.

3102 0

Ha scelto l’inclusione e il riconoscimento dell’amore, sotto qualsiasi forma. Ma questo, alla pastora Jackie Carter della First Metropolitan Community Church, è costato le minacce di morte.

“Quando senti il telefono squillare e c’è un respiro pesante dall’altra parte e due secondi dopo suona il campanello e qualcuno tira un sasso contro le tue finestre, beh, tutto questo fa paura”, ha raccontato la pastora alla stampa. Questo, però, ha tenuto a precisare la religiosa, non la fermerà e non la farà tornare indietro sui suoi passi.

“Non cambierò il mio messaggio di inclusione – ha aggiunto -, non cambierà il mio messaggio d’amore e non smetterò di sposare le persone. Andrò avanti! Questo è odio e non avrà spazio in questa città, in questo stato, in questa nazione”.

Jackie Carter è diventata famosa per avere officiato un matrimonio collettivo a Wichita nel primo giorno in cui le coppie gay e lesbiche hanno potuto sposarsi in Kansas. Circa un mese fa la Corte Suprema ha imposto al Kansas di eliminare ogni divieto nei confronti dei matrimoni egualitari.

Leggi   Violenza al Pride di Buenos Aires: uomo picchiato con una mazza da hockey
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...