La Russa: “Nessun pregiudizio per i gay nell’esercito”

di

Il ministro della Difesa chiarisce che non c'è alcuna volontà di disciminare i gay nell'esercito. "Scenderei in piazza per ogni diritto violato, ma resto ferocemente contrario a nozze...

768 0

"Che ci sia del pregiudizio verso i militari gay, io non posso dirlo. Ma Posso dire che non c’è volontà delle Forze Armate, né ci sono regole in Italia a differenza di quello che accade in altri paesi, che possano giustificare un eventuale pregiudizio" verso l’arruolamento di gay e lesbiche nell’esercito. Lo ha dichiarato il Ministro della Difesa Ignazio La Russa in un’intrvista pubblicata oggi dal Secolo XIX. "È chiaro ed è vero  – ha specificato però La Russa – che, così come avviene per qualunque altra persona, anche una persona gay deve dare poi dimostrazione di avere un’attitudine fisica idonea a potergli far svolgere l’attività militare senza mettere a rischio la propria vita, né quella degli altri commilitoni. Ma questo avviene nei confronti di tutti. E cioè bisogna essere nelle condizioni fisiche e psico-fisiche ideali e idonee a fargli svolgere quel tipo di lavoro".

E sembra spingersi oltre, l’ex aennino, a proposito di diritti degli omosessuali. "Non ho la minima esitazione – continua il ministro – ad affermare come ho sempre detto che se ci fosse da scendere in piazza perché un diritto individuale di un gay viene in qualche modo limitato, sarei pronto a farlo".

Con alcune eccezioni, come è facile intuire. E sono proprio quelle che riguardano le coppie gay e le famiglie omogenitoriali.

"Diverso è, ma esula da quanto mi è stato chiesto – ha concluso infatti il ministro – se sono d’accordo o meno con alcune rivendicazioni di alcune categorie, chiamiamole così, di gay, che ritengono, per esempio, possibile immaginare un’adozione di bambini da parte di una coppia gay o equiparare una convivenza gay, che pure non può essere discriminata, a un matrimonio. Ecco su queste cose certamente rimarrò sempre ferocemente contrario, mentre sono ferocemente a favore che nessun pregiudizio possa derivare dal solo fatto di essere gay, però neanche nessun privilegio".

Leggi   Washington, cameriere a coppia gay: "Non potete dividere il dessert, è disdicevole"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...